Finalissima

A Disapperance – Laura Spini e Laurence Brook
Eggshell – Ryan William Harris

Inverno – Giulio Mastromauro
Pilgrims – Ali Asgari e Farnoosh Samadi
Zheng – Giacomo Sebastiani
Finis Terrae – Tommaso Frangini

+ Corto Slam – cortometraggio vincitore

Votazioni aperte dalle ore 10 del 22.03 fino alle 18 del 27.03

Sab 27.03
ore 21:00 – in diretta Facebook e Youtube
Premiazione dei vincitori

A Disappearance di Laura Spini e Laurence Brook
Anno 2019 | Durata 15’20’’

Una sensitiva inglese, un tempo di grande fama ma ormai da anni in netto declino, ha l’occasione di ritornare alla ribalta grazie al mistero di una bambina scomparsa.

Laura Spini e Laurence Brook sono un duo di sceneggiatori/registi con base a Londra, dove si conoscono, diplomandosi entrambi alla London Film School. Per “A Disappearance”, passano nove mesi a stretto contatto con un gruppo di medium della periferia londinese, per studiarne da vicino la professione e le abitudini. Il loro cortometraggio “You Are Whole”, interpretato da Fred Melamed, viene presentato ai Festival di Edinburgo, Palm Springs, St. Louis e Leeds, solo per citarne alcuni. Sono attualmente impegnati nella realizzazione di due lungometraggi.

Eggshell di Ryan William Harris
Anno 2020 | Durata 13’40’’

La vita di Joey è un alternarsi tra il fantastico mondo infantile e la difficile realtà della periferia irlandese. Dopo essersi costruito un guscio di fantasia per proteggersi dalle problematiche di famiglia, Joey è costretto ad affrontare prematuramente l’arrivo dell’età adulta.

Ryan William Harris è un regista e filmmaker irlandese. Dopo aver studiato cinema all’Istituto D’Arte Paolo Toschi di Parma, si laurea in Fotografia, Cinema & Televisione presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna. Successivamente lavora con i direttori della fotografia Fabrizio La Palombara e Michele D’Attanasio e i registi Piero Messina e Mario Piredda. Dal 2015 dirige videoclip musicali per Honiro Label, Sugar Music, Universal Music Italia e Sony Music Italia e branded content per Ferrari, Levi’s e Rolling Stone Italia. Vive attualmente a Milano.

Inverno di Giulio Mastromauro
Anno 2020 | Durata 16’21’’

Timo, il più piccolo di una comunità greca di giostrai, si trova ad affrontare insieme ai suoi cari l’inverno più duro. Vincitore del David di Donatello 2020 per il Miglior Cortometraggio.

Giulio Mastromauro cresce a Molfetta (BA), laureandosi giovanissimo in Giurisprudenza. Trasferitosi a Roma, scrive e dirige diversi cortometraggi apprezzati da pubblico e critica: “Carlo e Clara” (2013), premio speciale ai David di Donatello e selezionato in oltre 100 Festival; “Nuvola” (2015), con Mimmo Cuticchio, candidato ai Nastri d’Argento; “Valzer” (2016), in concorso, tra gli altri al Flickers’ Rhode Island Int. Film Festival. Nel 2016 fonda con Virginia Gherardini la casa di distribuzione di cortometraggi Zen Movie, vincitrice di due David di Donatello, due Nastri d’Argento, un Globo d’Oro e una Palma d’Oro a Cannes.

Pilgrims di Ali Asgari e Farnoosh Samadi
Anno 2020 | Durata 16’25’’

Due bambini decidono di trasgredire al volere del padre e partire per Istanbul, intraprendendo da soli un viaggio alla ricerca della loro madre lontana..

Ali Asghari e Farnoosh Samadi sono due sceneggiatori e registi iraniani, entrambi formatisi in Italia. Sono co-autori dei cortometraggi diretti da Asgari “More Than Two Hours” (2013) e “The Baby” (2014), e di “The Silence” (2016) di cui sono co-registi, proiettati in oltre 600 Festival in tutto il mondo e vincitori di 150 premi internazionali. Nel 2017 scrivono il lungometraggio “Disappearance”, diretto da Asgari, sviluppato alla Cinefondation La Residence del Festival di Cannes e presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia e al Toronto Film Festival.

Zheng di Giacomo Sebastiani
Anno 2020 | Durata 25’

Zheng è un ragazzo cinese solitario, che lavora in Italia da quando era bambino. Nonostante sia riuscito a lasciare la fabbrica per costruirsi una posizione, non si sente completamente realizzato. Combattuto tra il rigore che gli impone il lavoro e il desiderio di entrare in contatto con i suoi coetanei, Zheng sarà chiamato ad una scelta.

Nato a Teramo, Giacomo Sebastiani si trasferisce presto a Roma, dove si laurea in Sociologia all’Università La Sapienza di Roma e dove lavora in qualità di ricercatore sociale. Nel 2015, dirige il cortometraggio “Dietro lo Specchio” (2015), selezionato da numerosi Festival internazionali, tra cui la 63esima edizione del Sydney Film Festival. “Zheng” è il suo lavoro più recente.

Finis Terrae di Tommaso Frangini
Anno 2020 | Durata 17’30’’

Due amici decidono di andare in campeggio insieme per ritrovare la sintonia di un tempo. La natura desolata che li circonda evidenzierà le loro differenze e la distanza che li separa.

Tommaso Frangini è un regista italiano residente a Los Angeles, dove consegue il Master in Film Directing presso il California Institute of the Arts. Nel 2016 è assistente del regista Andrea Pallaoro nel film “Hannah”, con Charlotte Rampling. Dirige i cortometraggi “Ecate” (2017) e “The Plague” (2017), selezionati e premiati in numerosi Festival internazionali. Alla CalArts, ha realizzato “Patient 1642” (2018), “Memories of a Stranger” (2019). Il suo ultimo corto è “Finis Terrae” (2020), presentato alla Settimana Internazionale della Critica alla 77a Mostra del Cinema di Venezia.

+Il Corto vincitore della semifinale Corto Slam
Male Fadàu di Matteo Incollu
Anno 2020 | Durata 19’48’’

Baunei, Sardegna, 1942. Male Fadàu è Padoreddu, il matto del villaggio. Una notte ruba una radio da un aereo da guerra tedesco, precipitato tra le montagne. Ma una misteriosa e inquietante voce emerge dalla radio e dal passato, e comincia a perseguitarlo.

Nato a Baunei (NU), Matteo Incollu si laurea in Cinema e Televisione a Bologna presso il DAMS. È assistente alla regia per Salvatore Mereu nei film “Sonetaula” (2008) e “Bellas Mariposas” (2012) e nei corti “Transumanza” (2013) e “Scegliere per Crescere” (2015). È autore e regista dei corti “Disco Volante” (2016), vincitore del premio come Miglior Film al concorso “Visioni Sarde” nel 2018, e “Coins” (2017). Male Fadàu è il suo terzo cortometraggio.

Finalissima