Caricamento Eventi

Wajahat Abbas Kazmi (57’)

alla presenza di Danilo Musso
in collaborazione con ESNA Consulenza di Genere e Rete Che Gender
In collegamento video Ludovic-Mohamed Zahed (Imam di Marsiglia)

Il film documentario “Allah Loves Equality” dà voce alle persone LGBTQIA (lesbiche, gay, bisessuali, trans, queer, intersex asessuali) che vivono nella Repubblica islamica del Pakistan: attraverso interviste realizzate a persone musulmane omosessuali e transgender e scene della loro vita quotidiana, tutti potranno conoscere la situazione dei diritti delle minoranze sessuali nel paese e quali sono gli atteggiamenti sociali nei loro confronti. Per la prima volta vere coppie omosessuali hanno deciso di mostrarsi pubblicamente e di raccontare la propria storia al mondo. Anche molte persone transgender, da coloro che lavorano come sex workers a chi sta lottando per combattere l’HIV nella comunità, si sono raccontate apertamente. Inoltre, nella realizzazione del documentario, si sono toccati con mano i rischi che la retorica fondamentalista fa correre a chi vive la propria identità sessuale senza nascondersi e per questo è considerato immorale e blasfemo.


Wajahat Abbas Kazmi
— Regista indipendente e attivista dei diritti umani di Il Grande Colibrì e Amnesty International. È nato in Pakistan ed è cresciuto in Italia. Nel 2009 è tornato nella sua terra natia per realizzare, come sceneggiatore e produttore, il lungometraggio “The Dusk” (2011), che affronta la discussa questione delle persone scomparse in Pakistan e ha suscitato varie controversie. Ha poi prodotto “The Blue Veins” (2011),“Message for God” (2012) e “Fatwa – The final verdict” (2014), che indaga sulle ragioni della crescita del terrorismo religioso in Pakistan.

 

Ingresso libero