“CORTO DORICO FILM FEST”

XVII EDIZIONE

DAL 20 al 28 marzo 2021

“METAMORFOSI”

 

“A Disappearance” di Laura Spini e Laurence Brook

è il vincitore del “Premio Stamira” della

XVII edizione di Corto Dorico Film Fest

 

E’ il corto scelto dalla giuria formata dai registi Manetti bros., dall’attrice Serena Rossi e dal produttore Carlo Macchitella

 

E QUESTA SERA ALLE 21 

IN COLLEGAMENTO CON TUTTI I REGISTI DEI CORTI FINALISTI

SI DECRETERANNO I VINCITORI DI TUTTE LE SEZIONI

 

IN DIRETTA SULLA PAGINA FACEBOOK DI CORTO DORICO E SUL CANALE YOUTUBE DI ARGOWEBTV

 

DOMENICA 28 MARZO (ultima giornata)

 

– Incontro con l’attrice Daphne Scoccia

– incontro con SAB, Scuola delle Arti per Bambini

e presentazione del corto di fine laboratorio “La scoperta”

– film di chiusura – “Celles Qui Restent” di Ester Sparatore

————————-

TRA GLI OSPITI DELLA XVII EDIZIONE

 

AGOSTINO FERRENTE, GIORGIO DIRITTI, PAOLO BERNARDELLI (autore di Sanpa), MARCO D’AMORE, i MANETTI BROS., SERENA ROSSI, il produttore CARLO MACCHITELLA e il produttore OMAR RASHID

 

36 appuntamenti virtuali per 91 tra corti e lungometraggi

 

E poi panel, documentari, masterclass, collaborazioni tra Festival e laboratori per bambini

  

co-direzione artistica DANIELE CIPRÌ e LUCA CAPRARA

 

Roma, 27 marzo 2021 – “A Disappearance” di Laura Spini e Laurence Brook è il vincitore della XVII edizione di Corto Dorico Film Fest, una delle vetrine più importanti e autorevoli del settore, che vede alla co-direzione artistica il regista e direttore della fotografia, Daniele Ciprì e lo sceneggiatore Luca Caprara.

 

Anche in versione digital Corto Dorico Film Fest ha ottenuto ottimi risultati con oltre 36 incontri online e 91 corti e lungometraggi in 9 giorni: sono stati oltre 20.000 i voti arrivati sul sito di Corto Dorico per le fasi delle semifinali e della finalissima e oltre 178.000 le persone raggiunte con i post social.

 

Il “Premio Stamira” è stato assegnato attraverso una diretta facebook sulla pagina di Corto Dorico (e sul canale youtube di Argowebtv) dalla giuria composta dai registi Manetti bros., dall’attrice Serena Rossi e dal produttore Carlo Macchitella.

 

Una menzione speciale è andata ai giovanissimi protagonisti del corto Pilgrims di Ali Asgari e Farnoosh Samadi.

 

Protagonista del corto “A Disappearance” è una sensitiva inglese, un tempo di grande fama ma ormai da anni in netto declino, che ha l’occasione di ritornare alla ribalta grazie al mistero di una bambina scomparsa.

 

Laura Spini e Laurence Brook sono un duo di sceneggiatori/registi con base a Londra, dove si conoscono, diplomandosi entrambi alla London Film School. Per “A Disappearance”, passano nove mesi a stretto contatto con un gruppo di medium della periferia londinese, per studiarne da vicino la professione e le abitudini. Il loro cortometraggio “You Are Whole”, interpretato da Fred Melamed, viene presentato ai Festival di Edinburgo, Palm Springs, St. Louis e Leeds, solo per citarne alcuni. Sono attualmente impegnati nella realizzazione di due lungometraggi.

 

Gli altri Premi saranno decretati nel corso della diretta di questa sera alle ore 21 sul canale facebook di Corto Dorico e sul canale youtube di Argowebtv.

 

Ultimo giorno, intanto, domani, domenica 28 marzo, per la XVII edizione di Corto Dorico Film Fest in versione digital.

 

PROGRAMMA di DOMENICA 28 MARZO

 

L’ultima giornata di Corto Dorico Film Fest propone alle ore 17.00 (in diretta online sulla pagina Facebook di Corto Dorico e canale Youtube di Argowebtv) l’incontro con Natalia Paci, Juri Cerusico e i bambini della SAB – Scuola delle Arti per Bambini in cui verrà presentato il corto di fine laboratorio “La scoperta”, realizzato da Jury Cerusico (Teapotfilm), insieme ai bambini e docenti della Scuola delle Arti per Bambini, anno creativo 2019/2020. Ogni anno, la Scuola propone a bambini e bambine dagli 8 agli 11 anni un viaggio alla ricerca della propria creatività attraverso i territori dell’arte, per approdare nel mondo del cinema. Ne ”La Scoperta”, dodici piccoli attori stanno per girare i nuovi Goonies sul Monte Conero quando irrompe la pandemia da coronavirus e interrompe le riprese. Il momento più drammatico del XXI secolo in un documentario che dà voce, finalmente, ai bambini: la loro scoperta è stata nella realtà, ben oltre la finzione, che l’amicizia vale più dell’oro. Disponibile alla visione su Mymovies.it, fino a mezzanotte del 28 marzo, insieme agli altri due cortometraggi SAB “Missione 007te” (2018) e “La Nave dei Folli”(2019).

 

Alle ore 21.00 (in diretta online sulla pagina Facebook di Corto Dorico e canale Youtube di Argowebtv) ecco svelato l’evento a sorpresa di chiusura del festival ovvero l’incontro con una delle giovani attrici più apprezzate del momento, Daphne Scoccia.

Daphne è stata scoperta per caso in un’osteria romana dal regista Claudio Giovannesi, che l’ha voluta come protagonista del suo film “Fiore” portandola come esordiente direttamente sulla Croisette alla Quinzaine des Realisateurs tra i più applauditi dell’edizione del Festival di Cannes 2016 . Il fortunato percorso di quest’opera la porta sui carpet più prestigiosi dei Festival più ambiti dal cinema Italiano tra cui la nomination come miglior attrice ai David di Donatello 2017 e la vincita del Premio Biraghi.  Daphne torna nel 2019 al cinema con il film “Il colpo del cane” e la vedremo nel 2020 nella commedia “Nel Bagno delle Donne” regia di Marco Castaldi, “Niente di Serio” regia di Laszlo Barbo, con Claudia Cardinale e Jordi Mollà. Abbiamo visto Daphne al cinema in “Lontano, Lontano”,film di Gianni Di Gregorio in cui interpreta la figlia di Ennio Fantastichini. Sempre come protagonista l’abbiamo vista nel cortometraggio “Prenditi cura di me” di Mario Vitale e “La Via Lattea” regia di Valerio Rufo. Daphne è oggi la protagonista del film di Chiara Bellosi “Palazzo di Giustizia” prodotto da Tempesta e Raicinema presentato al Festival di Berlino 2020, presentato alla stampa italiana alla prossima Festa del Cinema di Roma. Attualmente disponibile su piattaforma anche il film “Nel Bagno delle Donne” regia di Marco Castaldi e presto al cinema nella nuova commedia di Ruffini e Umamii di Angelo Frezza. Daphne è uno spirito libero, una giovane donna con un misterioso mondo negli occhi.

 

Il film di chiusura di questa XVII edizione di Corto Dorico sarà “Celles Qui Restent” di Ester Sparatore, evento speciale della rassegna di Cinemaèreale (disponibile dalle ore12 alle ore 24 del 28 marzo su Mymovies.it – acquistabile separatamente dall’abbonamento). Il progetto Cinemaèreale, la finestra sul cinema documentario italiano contemporaneo con un laboratorio di Cinema sostenuto da Fondazione Cariverona, è presente anche in questa edizione con una piccola rassegna sul documentario italiano contemporaneo, genere che in questi ultimi anni sembra dare nuova linfa al cinema nostrano.

Il film è stato presentato nel Concorso lungometraggi del festival Visions du Réel e ha vinto il Premio della giuria al miglior film del Concorso Biografilm Italia.

Om El Khir è una donna tunisina che insieme ad altre connazionali conduce dal 2012 una battaglia per scoprire la verità su tutti quei mariti, figli e fratelli scomparsi nel tentativo di raggiungere l’Europa. Le “donne-fotografia” – così sono state chiamate per i ritratti dei loro cari che impugnano durante le loro manifestazioni – continuano a riunirsi davanti ai palazzi del potere per gridare la propria rabbia e il proprio dolore, rivendicando il diritto di conoscere che ne è stato dei propri famigliari: tra loro anche Nabil, il marito di Om El Khir, partito alla volta di Lampedusa quando lei era incinta del loro terzo figlio. Nonostante il dolore, la donna ricostruisce la sua vita, trovando la forza nella volontà di dare ai suoi figli un futuro migliore.

Aquistabili su https://www.mymovies.it/ondemand/mymovieslive/movie/cd-celles-qui-restent/ .

 

In questa edizione di Corto Dorico Film Fest sono stati tanti gli appuntamenti virtuali per 91 tra cortometraggi e lungometraggi e poi, incontri, masterclass, collaborazioni tra Festival, panel, laboratori per bambini e molto altro.

 

IL TEMA – “Metamorfosi” è la parola che la direzione artistica del Festival ha individuato come “capace” di sintetizzare il tempo che stiamo vivendo.


OSPITI
 – Come gli scorsi anni, numerosi sono stati gli ospiti protagonisti di incontri e masterclass tra i quali il regista, sceneggiatore e produttore cinematografico Agostino Ferrente, il regista e sceneggiatore Giorgio DirittiPaolo Bernardelli autore di “SanPa – Luci e tenebre di San Patrignano”, docufilm di successo su Netflix, i due fratelli registi Antonio e Marco Manetti, l’attrice Serena Rossi, il produttore cinematografico Carlo Macchitella, il produttore e autore Omar Rashid e molti altri.

Tra gli eventi speciali in collaborazione con Amnesty International Italia il film Let There Be Colour di Ado Hasanovic che racconta il primo Pride in Bosnia nel 2019 (fino al 28 marzo visibile su Mymovies.it) e A Dog Called Money di Seamus Murphy, con protagonista PJ Harvey e dedicato al viaggio in Afghanistan e Kosovo che le fu di ispirazione per la realizzazione dell’album The Hope Six Demolition Project, il cortometraggio Zombie di Giorgio Diritti (fino al 28 marzo visibile su Mymovies.it) e nell’ambito della collaborazione con il Ka Festival, il film Sand Storm di Jason Wishnow che vede come attore il controverso artista cinese Ai Weiwei (fino al 28 marzo su Mymovies.it). E poi gli incontri in diretta online sulla pagina Facebook di Corto Dorico e canale Youtube di Argowebtv, tra cui, in apertura del Festival, “Dove Nasce il Cinema che Verrà – Botteghe, Università, Accademie” con Giuseppe Carrieri, Antonella Di Nocera, Pinangelo Marino e Daniele Ciprì e in cui è intervenuto anche il rettore di UNIVPM, Gian Luca Gregori. E poi, la Masterclass della rassegna Cinemaèreale con il regista Agostino Ferrente in conversazione con gli studenti e i docenti del laboratorio di Cinemaèreale e l’incontro online dal titolo Cinemaèreale e la serializzazione tv con Paolo Bernardelli, autore di SanPa – Luci e tenebre di San Patrignano.

 

INFORMAZIONI – Per assistere ai film e ai corti di Corto Dorico Film Fest il canale dedicato di Mymovies è https://www.mymovies.it/ondemand/corto-dorico/. Il prezzo in abbonamento è di 9,90 euro con la possibilità per gli utenti di acquistare anche pacchetti “premium” ed ottenere una serie di agevolazioni. Gli abbonamenti si potranno acquistare sulla piattaforma Mymovies.it fino al 28 marzoTutti i film e cortometraggi sono disponibili su Mymovies.it. Gli eventi del Festival sono trasmessi in diretta sulla pagina facebook di Corto Dorico e sul canale youtube di ArgoWebTv

Aquistabili separatementeWe Are the Thousand – L’Incredibile Storia dei Rockin’1000 di Anita Rivaroli; Easy Living – La Vita Facile di Orso e Peter Miyakawa (disponibili entrambi fino al 28 marzo) Celles qui restent di Ester Sparatore (domenica 28 marzo, disponibile per la visione dalle 12 alle 24).

 

Il Festival Corto Dorico è co-organizzato dall’associazione Nie Wiem e dal Comune di Ancona con il contributo di Mibac Direzione Generale per il Cinema, Regione Marche, Università Politecnica delle Marche con il sostegno di Amnesty International Italia, Coop Alleanza 3.0.

 

Nel corso degli anni Corto Dorico ha avuto l’onore di avere come ospiti e giurati nomi come Gianni Amelio, Pupi Avati, Matteo Garrone, Ugo Gregoretti, Giuseppe Lanci, Marco Bechis, Maurizio Nichetti, Elio Germano, Matteo Rovere, Gabriele Mainetti, Piera Detassis, Matilde Barbagallo, Stefania De Santis, Marco Spoletini, Filippo Gravino, Giacomo Ciarrapico, Matteo Cocco, Claudio Giovannesi, Cristiano Travaglioli, Gianfranco Pannone, Alessandro Piva. Oltre ad aver ospitato con le loro opere prime autori come Bonifacio Angius, Ciro D’Emilio, Manuel Albertini, Beniamino Barrese.